close



Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica e clicca su ISCRIVITI ORA

Torna alla pagina precedente indietro

Ingrandisci immagine Prova Aida e Audia Flight
Ingrandisci immagine
Visualizza immagine Prova Aida e Audia Flight
Prova Aida e Audia Flight
Sonus Faber Aida con elettroniche Audia Flight

 

L’impianto che mi accingo a descrivere è per costo e prestazioni soniche la il “massimo del diritto” o “ espressione massima” della capacità progettuale delle aziende che costruiscono questi splendidi oggetti sonori.
Mi riferisco alla azienda vicentina, SONUS FABER, che con il diffusore “AIDA” ha sviluppato un capolavoro di grazia, sonorità, estetica mai visti prima.
Entrare in contatto con l’AIDA è, per me, come la prima moto, la prima ragazza, o come tanti anni fa quando incrociai il mio sguardo con “ Carolina di Monaco”, ero in viaggio di nozze al Cairo, “indimenticabile”.
Gli aggettivi si sprecherebbero nel descrivere l’AIDA, pertanto proseguo nel descrivere il resto della catena, che è composta dal Pre Audia Flight Strumento n° 1, finale Audia Flight strumento n° 4, lettore CD Audia Flight CD One Mk2.


Le cablature sono fatte con cavi potenza Siena Plus II € 1.995,00 , cavi segnale Firenze Connection Extra € 2.495,00 e Firenze il Magnifico € 5.995,00, multipresa Lucca Power Distributor Silver € 1.995,00, cavi rete Lucca Extra per il Pre il CD.
Tutti i cavi sono in argento, e danno un’ulteriore trasparenza a tutta la collana sonora. Per la prova di ascolto utilizzo dei dischi che oramai conosco a memoria e che mi danno la possibilità di “andare” ancora più in profondità nell’ascolto di brani e avere una “fotografia” del suono ad altissima definizione.


Il soffio del saxofono e la tridimensionalità del piano, nel brano Moon River di F. Cafiso/ D.Rubino sono “palpabili” sembra di vedere l'aria uscire dalle Aida, il corpo del pianoforte è tale che, alcuni cliente, mi chiedono se è la registrazione del pianoforte che abbiamo in negozio, tanto è veritiera la riproduzione. La voce di Helen Merrill in “I love Paris” accompagnata dal piano, crea un'emotività da brivido, tanto è piena e grande la resa sonica. Non essendo un recensore o giornalista, ma un grande estimatore sonore e appassionato musicofilo “ascolto di tutto”, e quando la musica mi emoziona, non riesco a pensare ad altro e mi immergo completamente in ciò che sto sentendo, e mi piace “vedere” ad occhi chiusi chi sta suonando o cantando e questa “Collana“ sonora riesce a fare quello che solo un ascolto “live” può dare.


Il mio invito a venire in negozio per ascoltare questo superlativo impianto è aperto a tutti gli appassionati, che possano trarre giovamento nell’ascoltare i loro dischi attraverso un sistema che “forse” non avranno mai!
 
Terenghi Alfredo