close



Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica e clicca su ISCRIVITI ORA

Wilson Audio: Alexia II
Nuovo diffusore Alexia II di Wilson Audio

Wilson Audio ha lanciato il nuovo diffusore ad altissime prestazioni: Alexia 2.

Il nuovo volto di un grande classico, è un traguardo sfidante quello di migliorare un progetto, una ricetta o un prodotto che negli anni si è dimostrato vincente. Non è soltanto una questione di seguire la tecnologia, ma di saper cogliere quegli sviluppi che in concreto possono essere integrati in un insieme che risulti effettivamente migliore.
Nella prima versione delle Alexia, presentate per la prima volta nel 2012, Dave Wilson aveva già raccolto un'esperienza pluridecennale, realizzando un diffusore ancora relativamente compatto in grado di esibire il suono dei modelli maggiori.

Accuratezza, dettaglio e precisione sono stati i punti di forza di questo progetto, caratteristiche tuttavia complementari alla superiore esigenza di musicalità, un tratto centrale a quello che possiamo definire il “Wilson Sound”. Senza dubbio lo sviluppo delle Alexandria XLF, il modello di punta di quegli anni, aveva consentito anche nelle Alexia l'impiego di un design esclusivo.

Ma il tempo non trascorre invano e in casa Wilson il settore ricerca e sviluppo si è dato da fare in questi ultimi anni per la realizzazione di un prodotto di punta dalla caratteristiche ancora più assolute ed incisive, le WAMM Master Chronosonic, un sistema che porta alle estreme conseguenze il concetto di riproduzione sonora. Nel frattempo il timone dell'azienda americana è passato a Daryl Wilson, la cui presenza è stata alla base del concepimento di un altro modello importante del catalogo, le Alexx.

Da qui l'anelito di voler realizzare una versione nuova di un prodotto di successo come le Alexia, un atto di orgoglio portato avanti dalla consapevolezza che il premio per un'azienda non sta nel godersi i traguardi sin qui conseguiti, ma nello spingersi sempre oltre. Il piacere della riproduzione sonora e la perfezione nella resa musicale sono un percorso lungo il quale non si può indugiare. Si guarda avanti sulla base delle scelte passate, con l'aggiornamento dei driver e delle tecniche costruttive che proseguono nel solco di una tradizione importante, nell'ottica di una gestione imprenditoriale sana, moderna e consapevole.

Si è dunque partiti dall'analizzare ogni angolo, esaminare ciascun dettaglio, studiare tutti gli elementi strutturali delle Alexia per elaborare il nuovo progetto. Centrale in tutto questo il perfezionamento della struttura modulare del diffusore, in grado di ottimizzare la geometria ed il cabinet per ciascun driver, prendendo in considerazioni diversi materiali compositi, ottimizzandoli in base alle esigenze di ogni componente e dunque utilizzati ciascuno in una parte diversa del diffusore. Fiore all'occhiello di Wilson Audio è come è noto proprio la ricerca sui materiali, le cui prestazioni sono verificate per mezzo dell'ultima generazione di Laser Doppler Vibrometry, uno strumento di indagine derivato dalla tecnologia aeronautica che consente di verificare la risposta meccanica del cabinet e dei pannelli su grandezze nanometriche.

Da qui derivano prestazioni inedite in tema di rigidità, risposta agli stimoli e smorzamento, parametri meccanici che entrano prepotentemente in gioco durante la sollecitazione imposta dai driver durante il funzionamento del diffusore. L'impiego di nuove tecniche di costruzione, assemblaggio e sigillatura dei diversi moduli e nuova geometria delle pareti interne (implementati proprio nel capolavoro WAMM Master Chronosonic) ha consentito a Daryl di ottenere maggiori volumi interni senza modificare le dimensioni esterne del mobile. In tal modo la camera del midrange ha un volume superiore del 26.4% e quella del woofer del 0.8%, offrendo parametri del tutto nuovi nell'impiego degli altoparlanti, oltre a ridurre risonanze ed energia riflessa all'interno.

Completamente ridisegnato il sistema reflex, con una gamma bassa ancora più veloce e controllata, mentre il nuovo alloggiamento per medi ed alti contribuisce ad una transizione più fluida e naturale in quella gamma.
Altro elemento di spicco della costruzione modulare sta nella corretta gestione del dominio temporale. Tweeter, medio e woofer, ciascuno nel proprio cabinet possono essere allineati con meccanismi di aggiustamento ancora più fini per la migliore integrazione con l'ambiente d'ascolto.

Le più recenti ricerche hanno dimostrato quanto l'orecchio umano sia particolarmente sensibile agli errori nel dominio nel tempo e nel caso di un sistema di altoparlanti l'accuratezza dei segnali impulsivi, la risoluzione dinamica ed il senso di accuratezza timbrica dipendono da questo in modo drammatico. Lunghe sessioni di ascolto hanno fatto decidere per l'impiego della versione “Mark V” del Convergent Synergy Tweeter concepito per l'ammiraglia, attuale punto di arrivo di una tecnologia che ha visto Dave e Daryl più che mai convinti che una solida impostazione musicale resta il parametro premiante anche nel lungo periodo.

Dettagli non meno importanti sono stati messi a punto per rendere le Alexia 2 ancora più compatibili con l'amplificatore, per una sinergia facile e decisamente “friendly”. Non manca l'aggiornamento della rete cross-over, che per disegno e componentistica realizza una superiore integrità nel percorso del segnale audio.
L'evoluzione di un grande classico si impone un traguardo di musicalità, accuratezza sonora e piacevolezza d'ascolto che non mancherà di entusiasmare gli audiofili e musicofili più esigenti.

Immagini di Wilson Alexia II:
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II
Wilson Alexia II